domenica, 19 gennaio 2020 domenica, 19 gennaio 2020

RACCONTAMI UNA STORIA

INDIETRO | ARCHIVIOREGISTRATI AL SITO 

Anna Frank

La breve vita di Anna Frank

1925

Dopo il loro matrimonio Otto e Edith Frank si sistemano a Francoforte sul Meno. Presto ci saranno anche i figli: Margot, che nasce nel 1926 e Anne, nata nel 1929. I primi anni sono felici, ma con la crisi economica il partito di Hitler, l'NSDAP, guadagna sempre più terreno. Nel 1933 Hitler diventa il capo del governo tedesco. Otto ed Edith si preoccupano seriamente e studiano delle possibili soluzioni.



1933

Otto Frank ha la possibilità di avviare un’attività imprenditoriale ad Amsterdam. Edith, Margot e Anne lo seguono in Olanda. Trovano un’abitazione alla Merwedeplein. La famiglia Frank si sente di nuovo libera ed al sicuro. Le ragazze frequentano le scuole, Otto è molto impegnato col lavoro ed Edith si occupa della casa. Ma ecco che scoppia la Seconda Guerra Mondiale. Il 10 maggio 1940 la Germania nazista invade l’Olanda. La famiglia Frank è di nuovo in pericolo.



1940

Adesso che l’Olanda è occupata, molte cose cambiano per la famiglia Frank. Sia nella vita privata che nel lavoro sono numerose le limitazioni imposte dal regime. Allorché Margot riceve una lettera di chiamata per essere inviata in un campo di lavoro in Germania, i Frank ritengono che la situazione sia ormai troppo pericolosa. La famiglia si rifugia nella clandestinità.



1942

Oltre alla famiglia Frank altri quattro ebrei si sono rifugiati nell'Alloggio segreto: Hermann e Auguste van Pels con il figlio Peter, e Fritz Pfeffer. Quattro dipendenti della ditta di Otto Frank aiutano i clandestini. Ogni giorno i rifugiati temono di essere scoperti. E vivere così, in otto e stipati come sardine, non è davvero un’impresa facile.



1942

Oltre alla famiglia Frank altri quattro ebrei si sono rifugiati nell'Alloggio segreto: Hermann e Auguste van Pels con il figlio Peter, e Fritz Pfeffer. Quattro dipendenti della ditta di Otto Frank aiutano i clandestini. Ogni giorno i rifugiati temono di essere scoperti. E vivere così, in otto e stipati come sardine, non è davvero un’impresa facile.



1945

Dopo la liberazione da Auschwitz, Otto rientra ad Amsterdam. Sulla via del ritorno apprende della morte di Edith. Una volta ad Amsterdam si reca da Miep e Jan Gies. Spera che Margot e Anne siano ancora vive, ma ha la notizie che nemmeno loro sono sopravvisse alla guerra. Miep gli dà i fogli del diario di Anne. Anne avrebbe voluto che il suo diario, dopo la guerra venisse pubblicato e questo desiderio finalmente si avvererà.


1947

Dopo la guerra, Otto Frank si impegna nella lotta per i diritti umani e per il rispetto degli esseri umani. Risponde a migliaia di lettere inviate da persone che hanno letto il diario di sua figlia. Il diario viene tradotto, ne sarà tratta un’opera teatrale e diventerà anche un film. Su scala mondiale innumerevoli sono coloro che conoscono la storia di Anne Frank e ne restano  profondamente impressionati.



Link: www.annefrank.org/it/

Sviluppo storico

L'Immacolata Concezione
Condividi