domenica, 15 dicembre 2019 domenica, 15 dicembre 2019

UnaTalks Speech / Federica Fracassi

UnaTalks Milano 2013

Attrice, legge un estratto del brano  "Della presente condizione delle donne e del loro avvenire", scritto da Cristina di Belgioioso nel 1860. Parole che restituiscono uno spaccato della vita delle donne dell'epoca ma che, per certi versi, risuonano attuali ancora oggi perché si scagliano contro quelli che vengono chiamati stereotipi di genere. "Non è forse tempo che le compagne, le madri dei signori del creato siano tenute seriamente come creature ragionevoli, dotate di potenze intellettuali forse speciali ma non necessariamente inferiori a quelle dell'uomo?". 





Vita & Carriera


Attrice e codirettrice artistica di Teatro i, vive a Milano. 

E’ stata protagonista di numerosi spettacoli della compagnia diretti

da Renzo Martinelli tra cui “Prima della pensione” di Thomas Bernhard, per cui ha ricevuto la menzione d’onore quale miglior attrice emergente al “Premio Eleonora Duse” 2006. 

Nelle ultime stagioni, parallelamente all’impegno con Teatro i, 

ha lavorato in “Le muse orfane” di M.M.Bouchard per la regia di Nicola Russo, 

vincendo il Premio ETI “Gli Olimpici del Teatro” 2007 come attrice emergente; 

in “Un giorno d’estate” di Jon Fosse per la regia di Valerio Binasco; 

in “Corsia degli incurabili” di Patrizia Valduga per la regia di Valter Malosti, per cui è stata finalista ai Premi Ubu 2010 come Miglior Attrice. 

Nel 2010/2011 è stata attrice protagonista di “Incendi” di Wajdi Mouawad, 

di “Mi chiamo Roberta, ho 40 anni, guadagno 250 euro al mese” di Aldo Nove
e di “Hilda” di Marie NDiaye, regia di Renzo Martinelli, produzione Teatro i, 

per cui ha vinto il “Premio della Critica” 2011. 

Nel 2012 è nello spettacolo di Walter Malosti “Signorina Giulia” di August Strindberg.

Ha vinto il “Premio Eleonora Duse” 2011. 

Partecipa al film di Marco Bellocchio " La bella addormentata" in concorso al 

69 ° Festival del Cinema di Venezia. 

Di recente è stata in scena al Piccolo di Milano con lo spettacolo Blondi, in cui interpreta un cane, il pastore tedesco femmina di Adolf Hitler.