sabato, 7 dicembre 2019 sabato, 7 dicembre 2019

UnaTalks Roma 2013 / Cultura digitale e genere femminile

Palazzo Madama / 17 dicembre

Sebbene le nuove tecnologie non siano più appannaggio di un mondo esclusivamente maschile, la presenza femminile è ancora bassa rispetto alle opportunità che questo settore può offrire alle donne.

In gioco c’è lo sviluppo del Paese, la creazione di nuove professioni e posti di lavori, la crescita economica e la possibilità di mutare il punto di vista di istituzioni e aziende: è anche una questione di genere.

Così UnaTalks ha dato voce a otto esperte di tecnologie della rete Wister - Women for Intelligent and Smart TERritories realizzando a Roma, il 17 dicembre 2013, l’incontro “Cultura digitale e genere femminile” per un pubblico d’eccezione: le politiche italiane.

L’obiettivo condiviso è offrire loro un'ispirazione concreta oltre che, sul come si fa, anche sul perché sia necessario legiferare per favorire l'uso delle nuove tecnologie fra le donne. Il risultato è quanto mai sorprendente, uno scambio di battute che assume la forma di un vero e proprio “manifesto”: utili a loro perché loro siano utili a noi.




Gli speech

Parlare di digital divide e di cultura digitale in Italia significa passare attraverso tanti e svariati temi, dall’Open Government all’Agenda digitale, dal software libero agli open data, dai social network alle smart cities. Apparentemente lontani dalla sfera quotidiana, in realtà ci riguardano da vicino e questi otto speech spiegano come e perché.

Flavia Marzano

Tecnologia e politica. Entrambe servono per intraprendere un diverso modello di innovazione.
Clicca qui e guarda il video

Alessandra Donnini 
Di violenza di genere si parla molto ma non esistono dati perché non sono mai stati raccolti in modo sistematico. Una soluzione c'è e viene dal mondo dell'informatica. 

Sonia Montegiove
Cinque buone ragioni per adottare software libero. 
Clicca qui e guarda il video

Francesca Maria Montemagno
Il digitale a servizio della politica, per fare una buona politica.
Clicca qui e guarda il video

Leda Guidi
L'imprescindibile ruolo delle donne in un modello partecipativo e di condivisione, in cui le città e le comunità sono piattaforme aperte, civiche e collaborative.
Clicca qui e guarda il video

Fernanda Faini
Verso un modello di amministrazione digitale aperta, l'Open Government.
Clicca qui e guarda il video

Emma Pietrafesa 
Come e perché le tecnologie possono semplificare la vita di una donna tra lavoro, famiglia e tempo libero.
Clicca qui e guarda il video

Angela Creta
Buone pratiche di comunicazione in politica attraverso i social network.
Clicca qui e guarda il video